1. Home>
  2. Strategia Poker>
  3. Principianti: la scelta tra tornei e cash games
  • Principianti: la scelta tra tornei e cash games

    da Antonella Curione

Il torneo di poker e il cash game sono da considerare modalità di gioco distinte ed è un errore pensare che siano uguali. Il giocatore principiante dovrebbe prendere il tempo di analizzare le sue capacità, per capire quale modalità di gioco sia la più adatta. Un giocatore di tornei potrebbe essere pessimo ai cash games oppure il giocatore di cash games potrebbe avere difficoltà ad adattarsi alle modalità del torneo.

Un giocatore di poker può specializzarsi in una tipologia di gioco, resta il fatto che le sue capacità possono condurlo a preferire una modalità di gioco rispetto ad un’altra. Di seguito esaminiamo alcune caratteristiche personali del giocatore che danno indicazioni sulla scelta adeguata.

La capacità di concentrazione nel tempo

È un giocatore velocista oppure un maratoneta? La capacità di concentrazione di una persona può essere notevole, a breve o a lungo termine. Il cash game ha il vantaggio di permettere di giocare per un periodo di tempo limitato, quindi è ideale per il giocatore velocista. In un torneo, il giocatore potrebbe essere impegnato al tavolo per cinque ore di seguito. In questo caso, se è un giocatore velocista, potrebbe perdere la concentrazione dopo due ore e rischiare di perdere lo stack accumulato fino ad allora. Il torneo è l’opzione ideale per un giocatore maratoneta.

La propensione al rischio

I tornei di poker Freeze – Out sono molto popolari in quanto hanno un vantaggio notevole: stabilire una quota d’ingresso fissa. La durata del torneo non ha importanza in questo caso, possono essere due ore o dieci ore ma la somma spesa è identica, senza ulteriori esborsi di denaro. Il cash game non è semplice come i tornei Freeze – Out, anche se è possibile imporsi un limite personale ovviamente. Rischiare, continuando il gioco, richiede altro denaro extra e una propensione al rischio più elevata. Il giocatore dovrebbe, saggiamente, imporsi un limite personale ed è una decisione contraria allo spirito del giocatore vincente.

Il budget

Un giocatore di poker serio che rispetta le regole del bankroll management ,dovrebbe avere a disposizione almeno 20 volte la puntata concessa al tavolo. Il giocatore che vuole partecipare ai tornei può stabilire un budget settimanale o mensile e può facilmente gestire il proprio bankroll. I tornei risultano quindi più adatti ai giocatori che seguono le regole del bankroll management, rispetto al cash game.

Gli obiettivi personali

L’aspettativa di vincita o di profitto è l’obiettivo del giocatore di poker. Può esserci, oltre a questo obiettivo, l’interesse verso un’attività di carattere sociale e piacevole.  Il giocatore che vuole assicurarsi una fonte di denaro, sarà concentrato sul cash game. Il profitto che intende ottenere, arriverà nelle sue tasche nel breve o nel lungo periodo. I tornei sono tutta un’altra storia. La vittoria può farsi attendere per mesi, allo stesso modo il giocatore può ottenere dei guadagni in una settimana. Un giocatore professionista in un torneo può arrivare ad avere un profitto, però ci vuole più tempo per raggiungerlo.

Le qualità come giocatore

Il livello e le qualità del giocatore rappresentano un criterio nella scelta tra tornei e cash games. È stato stabilito che il livello degli avversari è generalmente inferiore nei tornei, rispetto ai giocatori di cash games. La dinamica in un cash game è più statica rispetto al torneo. La strategia in un torneo cambia a seconda del tavolo, dei blinds, del numero dei giocatori presenti e molti altri fattori. Adeguarsi a questi elementi è importante per avere successo. La scelta di partecipare, sia ai tornei sia ai cash games, può essere determinante per comprendere quale sia la modalità di gioco migliore e allo stesso tempo può rendere il giocatore completo.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.