1. Home>
  2. Strategia Poker>
  3. Il gioco del Metagame
  • Il gioco del Metagame

    da Antonella Curione

Il Metagame è un gioco che non ha alcun collegamento con la teoria dei giochi e con la matematica. Il giocatore può decidere di adottare una strategia, durante la mano, basata sulla mano precedente o sulla conoscenza dell’avversario. Questa tattica è tutto ciò che non è possibile quantificare, come lo stato emotivo del vostro avversario, lo storico di gioco con un particolare avversario e la vostra immagine al tavolo. È un parte importante di una strategia al gioco del poker, oltre all’analisi delle carte.  È utilizzabile in qualsiasi partita anche per tornei con stake bassi, in quanto non è un’esclusiva dei giocatori nei tornei a livello mondiale. Il metagame richiede una prospettiva a lungo termine, per avere un’utilità. Ad esempio, se state giocando con l’obiettivo di creare una specifica immagine nella mente dei vostri avversari, dovreste avere la sicurezza di giocare con questi stessi avversari per varie mani. Se non avete questa sicurezza, state utilizzando una strategia senza benefici. È la stessa situazione in cui un giocatore osserva i comportamenti dei giocatori, sapendo che non giocherà ancora altre mani con loro. L’importanza del metagame è associata a una continuità di gioco contro gli stessi avversari.

Il metagame, quindi, non è un gioco basato su una mano, riguarda l’intera sessione. Il giocatore potrebbe crearsi un’immagine di stile aggressivo, per cambiare stile durante la sessione. È un aspetto affascinante del poker ma non è centrale, nel più ampio schema del gioco del poker. Se avete intenzione di impiegare il metagame, avete bisogno di rispettare alcune condizioni. Valutare se il gioco ha avuto il suo effetto e poi cambiare gioco, l’avversario deve essere abbastanza brillante da adattarsi al gioco senza comprenderlo realmente e modificare il suo gioco a sufficienza, da giustificare l’impiego del gioco a lungo termine.

Il giocatore può incontrare diverse difficoltà nell’utilizzo del metagame. Innanzitutto deve essere in grado di capire se l’avversario lo considera effettivamente in base all’immagine da lui costruita. In una poker room online, l’avversario può giocare su vari tavoli e potrebbe prestare poca attenzione a ogni specifico tavolo. L’avversario non ha gli stessi pensieri e non agisce come un altro giocatore. Se l’avversario è agguerrito e ha già giocato precedentemente con voi, potrebbe rendersi conto del vostro gioco inusuale. Questo avversario potrebbe svelare il gioco, vedendolo per quello che è realmente. A questo punto ha un vantaggio e può anticiparvi, immaginando che in un’altra situazione adotterete il gioco contrario e potrà averne una facile lettura. È difficile che tutti gli avversari possano essere a questo livello, ma è un rischio da considerare e può avere un impatto estremamente negativo sul vostro gioco.

Può risultare meno rischioso bilanciare il gioco, adottando solo occasionalmente un gioco diverso dal solito. La differenza con il metagame è nella ricerca di un guadagno immediato, non sulle mani future. Il metagame ha un costo immediato, per un guadagno sulle mani future. Un gioco bilanciato ha immediato valore positivo. Non è previsto un gioco insolito, per avere una reazione dell’avversario. Il metagame cerca di ottenere un determinato comportamento di gioco dall’avversario. In questo caso, invece, l’avversario deve indovinare. Il vostro gioco ha un elemento in più di casualità, non è costante e non si conclude nel momento in cui l’avversario si accorge del gioco. Il bilanciamento è continuo e casuale. Il metagame è una strategia mentale da adottare per alcuni avversari, senza farla diventare una costante per ogni tavolo da gioco. Lo sviluppo di questo gioco deve essere pensato per particolari avversari, al fine di ottenerne un profitto. Sono essenziali le basi della teoria dei giochi e la matematica, prima di usufruire di una tattica metagame.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.