1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. UK and Ireland Poker Tour a Londra
  • UK and Ireland Poker Tour a Londra

    mercoledì 16 ottobre 2013 da Beatrice

Dopo la tappa di Galway, vinta da Gold lo scorso agosto, è arrivato il momento di una nuova ed entusiasmante tappa dello UK and Ireland Poker Tour. Questa volta, dalla verde Irlanda, si passa alla capitale dello UK, Londra.

Un evento sempre più interessante, che attira un numero sempre maggiore di giocatori, rigorosamente di alto livello, non solo inglesi o irlandesi, ma anche americani ed europei. In questa tappa di Londra la sorpresa ha avuto un nome italiano: Dario Sammartino.

Sammartino è stato il chip leader del day 1 B e da quel momento non ne ha più voluto sapere di lasciare la vetta della classifica, fino ad un finale…a sorpresa! Non vi preoccupate, scoprirete tutto leggendo questo articolo!

Il buy in necessario per partecipare a questo evento è stato di 1,000 £, circa 1,200 €. In totale, 747 giocatori si sono iscritti, generando un montepremi che ha garantito al primo classificato più di 160 mila euro. Il torneo è stato organizzato con due day 1 di apertura, che hanno permesso a 223 giocatori di qualificarsi per il day 2. Come anticipato, a guidare la classifica al termine del day 1 B è stato Dario Sammartino, che aveva un numero di chip di gran lunga superiore alla media, ben 265,000 quando la media era di appena 70,000. Una partenza davvero ottima per il giocatore italiano, che sembra avere intenzioni ben precise a Londra. Tra gli altri giocatori qualificati per il day 2, abbiamo trovato John Eames e Toby Lewis dal day 1 A e Liv Boree e Barry Greenstein, provenienti dal day 1 B.

Il day 2 è iniziato con un Dario Sammartino più agguerrito che mai, determinato non solo a mantenere lo stack ma anche ad incrementarlo. A fine giornata, il giocatore napoletano è riuscito a mantenere il podio della classifica, perdendo un paio di posizioni e arrivando al terzo posto.

Ma non solo Sammartino: questa tappa delle UK and Ireland Poker Tour si è dimostrata eccellente per l’Italia. Il nostro paese, infatti, è stato il solo, oltre ai paesi ospitanti ovviamente, ad avere diversi rappresentati entro gli ultimi 35, ovvero coloro che hanno avuto accesso al day 3. Gli azzurri arrivati al terzo giorno di gare, infatti, sono stati ben 4, di cui due entro i primi 10, come potete vedere dalla top ten:

1. Daniel Stacey (Irlanda) con 1.400.000 chip
2. Adrian Demusca (Romania) con 902.000 chip
3. Dario Sammartino (Italia) con 852.000 chip
4. Jack Salter (Regno Unito) con 828.000 chip
5. Robert Bull (Regno Unito) con 739.000 chip
6. Eugenio Verde (Italia) con 677.000 chip
7. Vytautas Spakauskas (Lithuania) con 628.000 chip
8. Sunny Chattha (Regno Unito) con 575.000 chip
9. Paul Zimbler (Regno Unito) con 562.000 chip
10. Rumen Nanev (Bulgaria) con 517.000 chip

Più in basso troviamo in 21esima posizione anche Giuliano Bendinelli con 304.000 chip e in 29esima Niccolò Caramatti con 186.000 chip.

Alla fine del day 3, si è costituito il final table dell’evento, dominato dai britannici, ma con due outsider a fare paura ai padroni di casa: il primo è stato il nostro Dario Sammartino, l’altro il giocatore danese Lasse Frost. In particolare Sammartino ha terrorizzato gli inglesi fin dalle prime battute di gioco del day 3, mettendosi in mostra e soprattutto mettendo ben in chiaro che nessuno lo spaventava.

Ecco la situazione al tavolo finale:

Seat 1. Lasse Frost (Danimarca) con 1,700,000 chip
Seat 2. Jack Salter (Regno Unito) con 3,645,000 chip
Seat 3. Dario Sammartino (Italia) con 1,475,000 chip
Seat 4. Robert Bull (Regno Unito) con 1,335,000 chip
Seat 5. Karl Mahrenholz (Regno Unito) con 850,000 chip
Seat 6. Ian Simpson (Regno Unito) con 3,525,000 chip
Seat 7. Paul Zimbler (Regno Unito) con 505,000 chip
Seat 8. Patryk Slusarek (Regno Unito) con 1,710,000 chip

Nonostante l’ottima partenza nel torneo, il talento dimostrato in più di un’occasione e la buona posizione al final table, Sammartino ha dovuto arrendersi in quinta posizione, incassando circa 35 mila sterline che non serviranno però a calmare la rabbia per una mancata vittoria. Il rischio di vedere lo UK and Ireland Poker Tour in mano ad uno straniero sfuma poi con l’eliminazione del danese, lasciando gli ultimi tre inglesi a contendersi il primo posto: a spuntarla su Simpson e Salter sarà poi Bull. Ecco la classifica finale:

1. Robbie Bull con 113.405 £ (deal)
2. Ian Simpson con 106.869 £ (deal)
3. Jack Salter con 59.125 £
4. Lasse Frost con 44.635 £
5. Dario Sammartino con 35.360 £
6. Karl Mahrenholz con 26.735 £
7. Patryk Slusarek con 19.200 £
8. Paul Zimbler con 13.115 £

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.