1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Tanta Italia alle World Series of Poker
  • Tanta Italia alle World Series of Poker

    Lunedi 1 luglio 2013 da Beatrice

I nostri giocatori si stanno comportando bene alle World Series of Poker tutt’ora in corso a Las Vegas. Tuttavia, nonostante l’impegno evidente, manca ancora la vittoria che farebbe alzare le braccia al cielo a tutto il team. Per ora dunque, dobbiamo accontentarci di qualche discreto piazzamento e continuare a sperare che uno dei nostri campioni riesca a portare in Italia uno dei braccialetti ancora in palio: le World Series of Poker hanno superato la metà del loro percorso, ma restano ancora molti eventi da giocare!

In questo articolo vederemo il risultato di due eventi, il numero 32 e il numero 33, dove alcuni dei nostri giocatori hanno fatto un ottimo gioco.

Evento numero 32: Texas Hold’em

L’evento di Texas Hold’em No Limit in versione 6 max, ovvero con sei giocatori per tavolo, è stato il numero 32 della kermesse. Il suo buy in può essere considerato medio alto, in quanto sono stati necessari 5,000 $ per iscriversi all’evento, che è uno di quelli più apprezzati dai pro, essendo in versione 6 max. In 516 sono partiti per tentare di conquistare la vetta, ma già al day 1 la selezione è stata durissima: meno della metà ha potuto accedere al day 2. Solo 128, infatti, hanno guadagnato l’accesso al day 2 e tra questi c’erano anche due dei nostri: Dario Sammartino, che è riuscito a rientrare tra i primi 30, posizionandosi al 28° posto. Insieme a lui anche Massimo Mosele, più giù in classifica, ma pur sempre con ottime chance, posizionandosi 90°.
Per l’Italia si era iscritto anche Rocco Palumbo, che purtroppo non è riuscito a passare la dura selezione del day 1.

Oltre agli italiani, diamo uno sguardo anche agli altri partecipanti a questo torneo: alla fine del day 1, guidano la classifica Jonathan Little, Daniel Negreanu e Benjamin Rainhart, in quest’ordine e l’uno a poca distanza dall’altro.

Il day 2 è iniziata con tante speranze per i nostri ragazzi, che hanno tenuto testa agli avversari fino a fine giornata, quanto però ogni speranza si è infranta per Massimo Mosele, eliminato al 18° posto. Mosele si porta a casa comunque 23,791 $ e la consapevolezza di aver fatto il massimo. Per quanto riguarda Dario Sammartino, invece, è riuscito a passare al day 3, ma il suo stack era il più ridotto di tutti.

In testa alla classifica a fine giornata resta Jonathan Little, seguito questa volta da Allen Bari e Vasile Buboi.

Al day 3 Dario Sammartino si è comportto molto bene, ma tutta la sua buona volontà non sarà sufficiente a farlo arrivare al final table. Dario, infatti, è stato eliminato in 10° posizione, che gli ha permesso di vincere poco meno di 40,000 $. Un’altra buona prestazione del giocatore napoletano che ha già messo in tasca una discreta somma a queste World Series of Poker, ma che non abbandona le speranze di portare a casa anche un braccialetto.

Alla fine, l’evento è stato vinto da Erik Lindgren, che guadagna più di 600 mila dollari in un colpo solo. Jonathan Little, che aveva mantenuto la testa della classifica per alcune giornate, deve accontentarsi del terzo posto. Ecco la classifica finale del finale table dell’evento 32, 6 max:

1-Erick Lindgren con 606.317 $
2- Lee Markholt con 374.960 $
3- Jonathan Little con 238.833 $
4- Connor Drinan con 157.274 $
5- Vasile Buboi con 106.830 $
6- Ryan D’Angelo con 74.768 $

Evento numero 33: Razz

Alle World Series of Poker c’è posto per quasi tutte le specialità del poker; l’evento numero 33 è stato dedicato al Razz, la specialità che premia i punti più bassi. Il buy in previsto era di 2,500 $

Tre italiani sono riusciti a passare il day 1, Marco Traniello, Dario Alioto e Max Pecatori: Marco, addirittura, è arrivato al 7° posto, su un totale di 131 giocatori che hanno avuto accesso al day 2. Alcuni big presenti: Mike Matusow, Phill Hellmuth (che però arriva solo 130°), Dan Kelly, Jeson Mercier.

Alla fine non c’è stato nulla da fare per nessuno degli azzurri e il titolo è andato a Bryan Campanello, dalle chiare origini italiane, ma dal passaporto americano.

Ecco la classifica finale dell’evento dedicato al Razz:

1- Bryan Campanello con 178.052 $
2- David Bach con 110.098 $
3- Jim Wheatley con 72.346 $
4- Sebastian Pauli con 52.844 $
5- Ivan Schertzer con 39.128 $
6- Brent Keller con 29.369 $
7- Rick Fuller con 22.351 $
8- Ismael Bojang con 17.235 $

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.