1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Pot Limit Omaha World Championship: il “Main Event” dedicato all’Omaha
  • Pot Limit Omaha World Championship: il “Main Event” dedicato all’Omaha

    Lunedi 22 luglio 2013 da t2admin

Le World Series of Poker sono proprio alla fine: conclusi gli ultimi eventi in programma, ne resta solo uno, il Main Event.

Prima di raccontarvi come sono andate le cose nell’evento più atteso delle stagione, apriamo una piccola parentesi per parlarvi di un altro evento molto importante, che precede in Main Evento. Si tratta del Pot Limit Omaha World Championship, che molti definiscono come il Main Event dell’Omaha; una sorta di fratello minore del Main Event vero e proprio, insomma.
Inoltre, “diamo i numeri” e vi racconteremo qualche statistica interessante su queste World Series of Poker 2013.

Evento numero 61: Pot Limit Omaha World Championship

Partiamo dal buy in, che posiziona questo evento tra uno dei più costosi: Sono serviti infatti 10,000 $ per potersi iscrivere al Pot Limit Omaha World Championship. Nonostante l’Omaha sia una specialità piuttosto popolare, il numero dei giocatori che hanno partecipato a questo evento è davvero basso, se si considera che è l’evento più importante dell’anno dedicato all’Omaha: solo 386 giocatori si sono iscritti, un numero ridicolo se poi si paragona ai numeri del Main Event vero e proprio.

Alla fine del day 1, il field di giocatori è stato ulteriormente ridotto a 168, tra cui spiccava anche il nome di Dario Alioto, che però è stato poi eliminato durante il day 2.
Tra i nomi che spiccano ce n’è uno che riconosceranno soprattutto gli appassionati di un altro sport, il basket: Paul Pierce. Per chi non lo conoscesse, Paul è un giocatore di basket di altissimo livello, che gioca nell’NBA, negli Stati Uniti. Non è certo la prima volta che le World Series of Poker attirano personaggi famosi da altri ambienti sportivi: quest’anno avevamo visto anche Michael Phelps, il campione di nuoto, seduto ai tavoli del Rio.

Pierce è riuscito a passare al day 2 con un’ottima quantità di chip, che gli hanno permesso di posizionarsi nella top ten, ma al day 3 non è stato altrettanto fortunato e ha dovuto abbandonare la corsa al braccialetto.

Alla fine, l’ultimo torneo delle World Series of Poker 2013, si è chiuso con la vittoria di un giocatore americano, Daniel Alaei, che con questo nuovo trionfo fa il bis: nel 2010, infatti, aveva vinto sempre il Pot Limit Omaha World Championship. Evidentemente l’Omaha è proprio la sua specialità e il PLO World Championship è il torneo dove questo giocatore riesce a dare il meglio di se.

Ecco la classifica finale dell’evento, comprensiva dei premi vinti da ogni giocatore del tavolo finale.

1- Daniel Alaei con 852.692 $
2- Jared Bleznick con 526.625 $
3- James Wiese con 380.836 $
4- Tom Marchese con 278.298 $
5- Numit Agrawal con 205.512 $
6- Gjerji Sinishtaj con 153.372 $
7- Sean Dempsey con 115.637 $
8- Rory Rees Brennan con 88.061 $
9- Alex Kravchenko con 77.742 $

Qualche dato sulle WSOP 2013

Conclusi gli eventi e mancando solo il Main Event, è già tempo di fare le prime statistiche. Prima su tutti, il dato più interessante è quello che riguarda il numero di iscritti agli eventi. Quest’anno sono stati in totale ben 79,471. Si tratta di un nuovo record, un aumento di presenze rispetto al passato. Ma bisogna fare una precisazione: l’aumento è stato spinto dai tornei con buy in minori, segnale che il poker è si amato, ma che i portafogli dei giocatori sono in generale più vuoti. I partecipanti al Main Event, per esempio, sono in calo da quattro edizioni di seguito. Mentre scriviamo, infatti, le iscrizioni al Main Event sono già chiuse e ciò ci consente di sapere con certezza che saranno 6352 gli iscritti a questo Main Event, ovvero circa 200 in meno dello scorso anno.

Infine, vogliamo segnalare una notizia piuttosto curiosa che riguarda un giocatore americano, Howard Andrew. Si tratta di un simpatico 79enne che partecipa alle World Series of Poker ogni anno da ben 40 anni! Un vero record, nessuno è mai stato così fedele a questo evento come lui. In questi 40 anni, è riuscito a vincere due braccialetti, durante i primi anni, oltre a centrare 230 piazzamenti a premio, vincendo una cifra che si avvicina ai 2 milioni di dollari.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.