1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. L’European Poker Tour di Londra 2013
  • L’European Poker Tour di Londra 2013

    mercoledì 27 marzo 2013 da t2admin

Da pochi giorni si è conclusa un’altra incredibile tappa dell’European Poker Tour, quella della capitale inglese, Londra. Quella di Londra è una tappa molto prestigiosa del tour e ne sono la riprova numerose personalità del poker, come Vanessa Selbst, che quest’anno non è voluta mancare all’evento e Annette Obrestad, la giocatrice norvegese che proprio a Londra ha vinto quello che per ora è il risultato più importante della sua carriera, ovvero il Main Event delle World Series of Poker Europe. Certo, l’occasione era ben diversa, ma si sa che in fondo anche i giocatori di poker sono dei sentimentali e rimangono attaccati alle città che li hanno consacrati nell’olimpo dei professionisti. Altri big presenti sono stati Victor Blom e uno dei padroni di casa, Chris Moorman, Jason Mercier, Bertrand Grospellier, Sam Trickett e tantissimi altri: insomma, la creme de la creme.

Anche la squadra italiana era ben nutrita, con professionisti del calibro di Mario Adinolfi. Luca Moschitta, Salvatore Bonavena e Alessandro Longobardi.

Gli iscritti totali all’evento sono stati 647, ma la selezione è stata dura, anzi durissima: l’alto montepremi faceva gola a tanti e ciascuno a provato a dare il meglio di se. In 96 sono andati a premio, alla fine, ma la differenza tra le prime posizioni e le ultime è tale che nessuno spera “di arrivare almeno 96°”.

Il day 3 è quello che inizia a delineare un po’ i nomi dei possibili vincitori, o almeno di coloro che hanno una posizione di privilegio rispetto ad altri. Gli eliminati durante la fine della giornata vanno comunque a premio, ma devono salutare per sempre la possibilità di arrivare al final table. Tra i tanti big eliminati proprio durante il day 3 troviamo Victor Blom, Liv Boeree e David Williams. Per gli azzurri rimane in gara solo Dario Sammartino, mentre gli altri devono fare le valigie per tornare a casa. Tra questi anche Luca Pagano e Salvatore Bonavena. Sammartino resisterà poi fino alle prime battute del day 4, quando verrà eliminato dalla gara. Il giocatore napoletano, si è dichiarato comunque molto soddisfatto del 29° posto ottenuto, che gli è valso 15,000 £ e ha fatto sapere tramite la sua pagina Fecebook, che questa esperienza lo ha solo rafforzato e spinto a dare sempre il massimo.

I giocatori inglesi non sono in maggioranza, a differenza di quello che ci si potrebbe aspettare da un evento di questo livello organizzato proprio in Inghilterra. Tra loro Chris Moomar resiste fino alla fine del day 3 e passa il turno, ma la sua posizione in fondo alla classifica lo rende piuttosto incerto.

Il final table

Alla fine, dopo giornate di lotte, si è composto un final table che ha promesso fin dall’inizio grande spettacolo. Da sottolineare la presenza dell’inglese Chris Moomar, che era considerato in bilico già dalla fine del day 3, ma che invece è riuscito a sedersi al final table.

Eccovi la sua composizione, con il numero di chip in possesso di ogni giocatore:

1- Steve O’Dwyer (Stati Uniti) con 5.270.000 chip
2- Ruben Visser (Olanda) con 3.640.000 chip
3- Olof Haglund (Svezia) con 2.755.000 chip
4- Christopher Frank (Germania) con 2.570.000 chip
5- Theo Jorgensen (Danimarca) con 1.550.000 chip
6- Mantas Visockis (Lituania) con 1.510.000 chip
7- Chris Moorman (Regno Unito) con 1.075.000 chip
8- Tamer Kamel (Regno Unito) con 960.000 chip

Nonostante l’evidente superiorità di Steve O’Dwyer, che sovrastava gli altri partecipanti al final table, l’americano non è riuscito a portare a casa il titolo; questa è già la seconda volta nella sua carriera dove deve rinunciare a un titolo così vicino. Anche per i due inglesi, che partivano con un forte distacco, c’è stato ben poco da fare. Molti pensavano che almeno Chris Moorman avrebbe tirato fuori un coniglio da cappello, stupendo tutti, ma invece lo ha fatto al contrario. Infatti, Chris è stato eliminato per primo dalla corsa al trionfo.

Alla fine, una volta rimasti solo 3 giocatori, si è deciso di raggiungere un deal che consegnasse la vittoria all’olandese Ruben Visser, che era nettamente in vantaggio sugli altri. Ecco la classifica finale dell’European Poker Tour di Londra 2013, con i rispettivi montepremi:

1- Ruben Visser con 595.000 £ (deal)
2- Mantas Visockis con 377.436 £ (deal)
3- Olof Hagland con 427.564 £ (deal)
4- Theo Jorgensen con 183.000 £
5- Steve O’Dwyer con 146.000 £
6- Christopher Frank con 112.000 £
7- Tamer Kamel con 79.950 £
8- Chris Moorman con 57.000 £

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.