1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Las Vegas sbarca in Europa: arriva Euro Vegas
  • Las Vegas sbarca in Europa: arriva Euro Vegas

    Lunedi 18 febbraio 2013 da Beatrice

È di questi giorni una notizia destinata a far discutere mezza Europa, invischiata in una crisi economica dalla quale sembra non poter uscire. Si sa, uno dei modi che potrebbero aiutare il vecchio continente a risollevarsi è quello di attirare investimenti dall’estero, che possano anche portare posti di lavoro per i locali. In questa ottica, è davvero difficile capire le protesti di coloro che si stanno scagliando senza sosta contro una delle novità più interessanti di inizio anno: la creazione di Euro Vegas, una sorta di Las Vegas europea a due passi dalla capitale di uno degli Stati peggio ridotti di tutta Europa, la Spagna.

Proprio poco fuori Madrid, infatti, dovrebbe sorgere un nuovo paradiso per i giocatori europei, che potrebbe addirittura surclassare quella che oggi viene già chiamata la Las Vegas europea, ovvero Nova Gorica, in Slovenia.

Il progetto di Euro Vegas

Gli ideatori di Euro Vegas arrivano direttamente dagli Stati Uniti. La società che si occuperà della costruzione del mega impianto è la Las Vegas Sands Corporation, presieduta dal miliardario Sheldon Adelson. Dopo una lunga trattativa, l’eccentrico 79enne, ha deciso di creare il suo nuovo impero poco fuori da Madrid, esattamente a 13 chilometri dalla città, presso il comune di Alcorcon. Per mesi, Madrid e Barcellona, le due principali città di un paese in ginocchio, si sono litigate il miliardario investimento di Adelson, che ha promesso di tirare fuori dal portafoglio qualcosa come 26 miliardi di dollari. Una cifra incredibile, che diventa ancora più incredibile se si considerano i posti di lavoro che deriveranno direttamente da questo faraonico investimento. Si parla già di 250,000 posti, che sarebbero una vera manna dal cielo per una regione così depressa.

In totale, dovrebbero essere costruiti 6 mega casinò, 12 hotel da favola, per un totale di 36 mila posti letto, 9 teatri e 3 campi da golf. Nei casinò si parla di inserire 18 mila slot machine e più di 1000 tavoli da gioco.

Ciò che preoccupa non poco i detrattori di questa impresa sta nel fatto che, pur di avere questo investimento, la Spagna ha promesso grandi facilitazioni fiscali al magnate americano. Si parla di permessi gratis, terreni pubblici regalati, IVA a zero. Insomma, si tratta di creare una zona franca dove le regole dello Stato spagnolo vengano messe da parte per garantire un guadagno incredibile al signor Adelson.
Tutto questo per tentare di ridare una spinta all’economia del paese e per permettere la creazione di questi posti di lavoro, che c’è già chi dice, che saranno molto meno di quanto promesso.

Molti anche sostengono che sia una vera vergogna che, in un paese dove i disoccupati crescono ogni giorno e sempre più gente non sappia come arrivare alla fine del mese, il governo decida di appoggiare in maniera così spudorata un progetto che potrebbe creare non pochi problemi sociali, legati all’abuso di gioco d’azzardo.
La questione è complessa e bisogna ancora aspettare per giudicare: se le promesse rispetto ai nuovi posti di lavoro verranno mantenute, però, si potrebbe pensare che la mossa non sia stata poi così sbagliata.

Poker Stars si muove prima

Il colosso del poker online, Poker Stars, non ha certo intenzione di restare a guarda mentre la Las Vegas Sands Corporation prepara il colpo. I dirigenti della prima poker room online, infatti, hanno da tempo deciso di dirigere i propri interessi verso i casinò e le sale da gioco terrestri. Dopo aver comprato un casinò ad Atlantic City, la secondo città degli Stati Uniti dedicata al gioco, Poker Stars ha deciso di intervenire anche nel vecchio continente con un investimento non da poco. E tutto questo ha deciso di farlo anticipando di diverso tempo le mosse del ricco americano. Presso in Gran Casinò di Madrid, infatti, Poker Stars sta per inaugurare una propria poker room, dove la picca, simbolo della poker room online, sarà esposta ovunque. Insomma, dopo aver messo le mani su un casinò americano, in Belgio e in Gran Bretagna, Poker Stars è passata all’attacco anche nel sud dell’Europa per dimostrare ancora una volta lei sue chiare intenzioni di supremazia nel mondo del poker, che sia online o live poco importa.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.