1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Il Sunday Million ritorna! Ultime news da PokerStars
  • Il Sunday Million ritorna! Ultime news da PokerStars

    sabato 25 maggio 2013 da Beatrice

Abbiamo parlato spesso di PokerStars negli ultimi tempi, più per la sua attività off line, legata alla questione del suo ingresso nel mercato live e on line degli Stati Uniti, che per la sua attività on line, che resta comunque il suo regno incontrastato.

In questo articolo andremo a vedere due novità importanti che riguardano esclusivamente l’attività on line di PokerStars, tra cui l’attesissimo ritorno in Italia del torneo dal montepremi più alto di tutta la rete, il Sunday Million. Inoltre, vi racconteremo un’interessante novità introdotta nel regolamento di gioco e infine parleremo ancora una volta delle evoluzioni della “vicenda americana”.

L’attesa è finita: ritorna il Sunday Million!

Gli utenti di PokerStars lo aspettano con ansia e finalmente la loro attesa sta per giungere al termine: manca infatti davvero poco all’evento più incredibile di poker on line, il torneo Sunday Million. Per chi non conoscesse questo torneo, basta dire che è il torneo online con il montepremi più alto, ben un milione di euro garantiti! Inutile dire che proprio per questo motivo è preso d’assalto da migliaia di utenti che sperano in un colpo di fortuna, ma anche da giocatori ben preparati che hanno aspettato questo appuntamento con fiducia. La data che da tempo è segnata sulle loro agende è quella del 2 giugno 2013, quando esattamente alle ore 21 prenderà il via un nuovo imperdibile Sunday Million.

Sulla piattaforma .com di PokerStars, il torneo si tiene regolarmente ogni domenica, ma sulla piattaforma italiana la frequenza è assai ridotta, dato che l’evento viene organizzato solo due o tre volte l’anno.

Con un montepremi così alto, il buy in è ovviamente più alto dei soliti buy in per giocare on line: serviranno infatti 250 € per sedersi ai tavoli del Sunday Million. Tuttavia, se si considera che il primo premio si aggirerà intorno ai 200,000 €, il buy in appare decisamente poco caro. Inoltre, come da tradizione, è sempre possibile cercare di vincere un posto con uno dei tanti satelliti che PokerStars organizza. Le possibilità sono davvero tante e sono disponibili per tutte le tasche. Basta visitare pokerstars.it per sapere esattamente quale sia la strada giusta per voi!

La lotta agli “squali” è iniziata

PokerStars è sempre attenta alle esigenze di tutti i suoi utenti, quelli più affezionati ma anche le new entry. Per questo, ha deciso di trovare il modo per evitare che i nuovi arrivati, poco esperti e per questo a rischio, diventino preda di giocatori ben più navigati.

Esistono infatti giocatori molto esperti che giocano solo ed esclusivamente contro giocatori poco capaci, per avere la certezza di batterli. Questi giocatori poco onesti vengono definiti in gergo “squali” perché si “mangiano” l’avversario. Apportando alcune modifiche al software di gioco, PokerStars ha fatto in modo che questa pratica non sia più possibile. Per il momento la novità non riguarda la piattaforma .it, ma molto probabilmente, se i risultati ottenuti sulle altre piattaforme saranno ritenuti validi, questo nuovo metodo entrerà in vigore in ogni piattaforma di PokerStars.

Atlantic City si, Altlantic City no…

Sembrava ormai conclusa l’avventura di PokerStars ad Atlantic City, dove la poker room sta cercando da mesi di acquistare un casinò, per poter poi entrare di diritto anche nel mercato del gioco on line dello stato americano. Invece, si scopre ora che le trattative per l’acquisizione dell’Atlantic Club sono tutt’altro che concluse. PokerStars non ha ancora rinunciato in maniera definitiva a questa possibilità, che per ora è l’unica che le consentirebbe di rientrare nel mercato online. A differenza di quanto si pensava, infatti, le possibilità di entrare anche nel mercato del Nevada sono nulle perché lo Stato di Las Vegas ha approvato una norma che vieta la possibilità di tornare operative alle poker room che hanno operato quando la legge lo vietava. Infine, da segnalare che un altro Stato sta muovendo i primi passi verso una regolamentazione del gioco online, il Delaware. Qui, però, PokerStars non ha alcuna possibilità, dato che il fornitore dei servizi per il gioco on line sarà la 888 Holding, in seguito ad una gara indetta proprio con lo scopo di individuare un unico fornitore di servizi per il gioco online.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.