1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Il patto per il gioco legale in Germania non convince
  • Il patto per il gioco legale in Germania non convince

    Giovedi 5 gennaio 2012 da Claudio

Il patto firmato da quindici stati federali della Germania, per la regolamentazione del gioco d’azzardo legale continua a ricevere critiche negative, secondo le dichiarazioni rilasciate dai portavoce di alcune famose poker room, questo patto non risulta andare incontro alle richieste dei dettami imposti dalla comunità Europea.

Come riportato in un comunicato stampa del portavoce di Betfair, il patto presentato dai quindici leader tedeschi, suddiviso in diversi punti base per la regolamentazione del cash game in Germania è stata, che per ora i leader tedeschi hanno ancora molto da lavorare per fare diventare questo patto una proposta degna di essere presa in considerazione.

Il patto proposto e firmato da quindici leader tedeschi, l’unico stato federale che non ha accettato il patto è quello del Schleswig-Holstein, prevede la concessione di solo una ventina di licenze; licenze che sono sottoposte a una unica tassa che è stata fissata sul 5%. La tassa imposta, non fa distinzione per tipologia di gioco o quantità della puntata.

Non appena è stato rilasciato questo patto, molti operatori hanno iniziato a prendere in considerazione l’acquisto di una licenza proprio nello stato federale del Schleswig-Holstein, unico stato in Germania che per il momento sembra andare controcorrente. Sembra proprio che questo stato stia cercando di varare delle leggi proprio per favorire il gioco d’azzardo, diventando una vera e propria Las Vegas nel territorio tedesco. Ci sono molte probabilità che proprio nei primi mesi del 2012, ci siano i primi rilasci delle licenze per esercitare il gioco d’azzardo legale nello stato del Schleswig-Holstein.

Mathias Dahms, portavoce del noto gruppo JAXX, è dello stesso parere di Betfair. La proposta varata dagli altri quindici leader tedeschi, non rispecchia le proposte di legge o le leggi presenti negli altri stati della comunità europea. Le condizioni proposte dai leader tedeschi non incoraggiano gli operatori del gioco d’azzardo online in nessun modo, anzi mettono delle forti limitazioni.

Per il momento, anche per il sopraggiungere del periodo delle festività natalizie, tutto è rimasto ancora fermo alle proposte convalidate nei primi giorni del dicembre scorso. Proposte che per il momento non soddisfano i gestori delle tante poker room e casino online interessati ad entrare nel mercato tedesco dei cash game online.

Basta ricordare che proprio il mercato tedesco, dove il numero dei giocatori è costantemente in crescita negli ultimi anni, è da considerarsi insieme con quello italiano e quello spagnolo, uno dei mercati più interessanti e promettenti tra quelli europei. Infatti, sono proprio questi tre mercati che negli ultimi mesi sono stati presi di mira da tutte le maggiori poker room, interessate a ottenere una regolare licenza di gioco per offrire le proprie proposte ai tanti giocatori interessati a questo tipo d’intrattenimento online.

Il 2012 sembra proprio che diventerà l’anno della consacrazione del cash game, e dopo le brutte faccende del Black Friday sembra che finalmente anche Full Tilt Poker potrà tornare a offrire le sue proposte anche in Europa.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.