1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Full Tilt Poker è pronta a sbarcare nel vecchio continente
  • Full Tilt Poker è pronta a sbarcare nel vecchio continente

    martedì 3 gennaio 2012 da Claudio

Le notizie su Full Tilt Poker, con il sopraggiungere della fine dell’anno si erano radicalmente calmate, mettendo un freno a tutte le voci di corridoio che avevano iniziato a circolare. Con l’arrivo del 2012 e la fine delle festività, le notizie hanno iniziato a riprendere, e sembra proprio che il gruppo di Bernard Tapie sia in procinto di terminare la trattativa per ottenere la licenza da parte di AAMS sul territorio italiano.

Questa notizia, che per il momento non è stata ancora confermata né dai portavoce di Full Tilt Poker né dagli addetti stampa dell’agenzia per i monopoli di stato, potrebbe davvero far tirare un sospiro di sollievo a tutti quei giocatori italiani che hanno dei fondi bloccati nei loro account sulla celebre poker room.

Bernard Tapie e i suoi soci sono già proiettati nella sponsorizzazione e nel rilancio della famosa poker room, anche se il contratto di vendita non è stato ancora ufficializzato in via definitiva. Le attese di vedere firmato il contratto di vendita di Full Tilt Poker sono sempre maggiori, anche se ormai molte persone pensano che questa sia solo una formalità. I legali del gruppo francese Tapie, sono diversi mesi che si comportano come se avessero già firmato l’acquisizione della poker room.

Dopo l’ufficializzazione dell’acquisto della poker room e la riattivazione della licenza che l’Alderney Gambling Control Commission (AGCC) ha sospeso, i giocatori si aspettano di vedere risolti tutti i problemi legati agli enormi debiti contratti dalla precedente gestione, per poter finalmente tornare a giocare sui tavoli verde della nota e stimata poker room.

Il gruppo di Bernard Tapie, che sembra già essere sulla buona strada per risolvere tutti questi problemi, è anche ben intenzionato a rilanciare nel migliore dei modi Full Tilt Poker. L’operazione di rilancio avverrà proprio grazie all’acquisizione di una serie di licenze, per fornire le proposte di gioco regolamentare in alcuni stati europei. L’Italia e la Spagna, sembrano essere le prime due nazioni europee scelte per rilanciare la poker room, ma entro il 2012 si dovrebbero concludere anche le pratiche per ottenere delle licenze regolamentari in Danimarca e in Francia. L’acquisizione della licenza in Francia, sembra che stia molto a cuore a Bernard Tapie, essendo questa la nazione dove lui risiede. L’Italia e la Spagna, visto l’enorme bacino di giocatori che possono offrire, numero in costante aumento in questi ultimi anni, sono sicuramente uno dei migliori mercati emergenti in cui si poteva inserire Full Tilt Poker.

La strategia messa in atto da Bernard Tapie, per il rilancio della poker room Full Tilt Poker è molto chiara e semplice. Acquistare il maggior numero di licenze in nazioni del vecchio continente per dimostrare a tutti che i nuovi proprietari sono pronti a offrire un gioco pulito e pienamente legale. Il rilancio di questa poker room, che negli Stati Uniti insieme a PokerStar si contendeva il predominio della poker room con il maggior numero di giocatori, partirà dall’Europa.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.