1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Full Tilt Poker e PokerStars sono giunti a un accordo
  • Full Tilt Poker e PokerStars sono giunti a un accordo

    domenica 20 maggio 2012 da Claudio

Le voci che si sono rincorse per le ultime settimane, cioè che PokerStars si era interessata all’acquisto di Full Tilt Poker sembra che si siano concretizzate; e che l’acquisizione stia per andare a buon fine. Il Dipartimento di Giustizia americano, e PokerStars stanno per firmare il contratto per l’acquisizione di Full Tilt Poker; i giocatori che hanno dei fondi bloccati nei propri account su Full Tilt Poker finalmente possono iniziare a credere di concludere questa antipatica situazione.

È passato poco più di un anno dalle vicende del Black Friday, e dopo l’abbandono di Bernard Tapie, che dopo una serie di discussioni con il Dipartimento di Giustizia americano ha abbandonato la trattativa per l’acquisizione di Full Tilt Poker, si è avuto un nuovo capovolgimento della situazione. L’interesse da parte di PokerStars, che vedeva in Full Tilt Poker l’unica rivale plausibile per il suo predominionel mondo del poker online ha lasciato molte persone davvero senza fiato.

Il problema principale, che ha portato all’abbandono di Bernard Tapie dalle trattative per l’acquisizione della poker room di Full Tilt Poker era il rimborso totale dei giocatori che hanno ancora dei fondi bloccati nella poker room. Bernard Tapie, che aveva fatto più di una proposta per andare incontro alle richieste del Dipartimento di Giustizia americano non è riuscito a trovare un accordo; cosa invece che i legali di PokerStars sono riusciti a trovare in poco tempo. Il piano proposto dalla poker room della picca rossa, offrirà a tutti i giocatori la possibilità di riavere il controllo sui propri fondi.

Aspettiamo giugno per il verdetto finale

Entro la fine di maggio, il Dipartimento di Giustizia americano è intenzionato a rilasciare un comunicato in cui delimita il piano d’azione con cui PokerStars s’impegna a rilanciare Full Tilt Poker. PokerStars, si sta anche impegnando per risolvere la situazione con il Doj sul divieto di poter operare sul territorio degli Stati Uniti. Come tutti sappiamo, il poker online negli States è ancora considerato illegale, e per il momento non è stata rilasciata nessuna regolamentazione.

Sono molti i giocatori che aspettano con ansia la conclusione delle vicende del Black Friday, e forse, ora è giunto il momento che tutti stavano aspettando. L’entrata di PokerStars, nelle trattative per l’acquisizione di Full Tilt Poker, è riuscita a dare una forte accelerata alla trattativa. Trattativa che ormai sembrava del tutto naufragata in un nulla di fatto, vista la scarsa fiducia il Dipartimento di Giustizia americano aveva nel gruppo capitanato da Bernard Tapie. Le possibilità di rivedere i tavoli di Full Tilt Poker ancora in azione sono diventate molte, e così pure la possibilità di assistere a un totale rimborso dei giocatori con dei fondi all’interno della Red Room. Aspettiamo fiduciosi l’ufficialità dell’accordo.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.