1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Full Tilt Poker, di nuovo in attività da Aprile?
  • Full Tilt Poker, di nuovo in attività da Aprile?

    domenica 8 aprile 2012 da Claudio

Che il gruppo di Bernard Tapie sia in fermento e stia preparando il rilancio della red room è cosa ormai certa, sempre più spesso si possono leggere nuove notizie su presunte e/o eventuali azioni di marketing per un imminente rilancio della nota poker room. Purtroppo, non sono ancora arrivate notizie certe di questo rilancio, o comunicati stampa dai diretti interessati, ma una serie di notizie e di recenti avvenimenti ci fanno ben sperare per il futuro di Full Tilt Poker.

Forse nel giro di alcune settimane potremo avere delle belle e gradite sorprese da Full Tilt Poker, perché sembra che Pocket Kings Ltd, la società “madre” della poker room ha fatto una regola richiesta di assunzione per 14 dipendenti su un sito di offerte di lavoro. Questo fatto, che potrebbe dire tutto o niente, ci lascia sicuramente intuire che sotto l’attuale cortina d’indifferenza che Tapie e soci hanno creato ci siano dei grossi movimenti. Oltre a questa domanda di assunzione, Full Tilt Poker ha fatto formalmente una richiesta per una licenza di gioco all’Alderney Gaming Control Commission (questa richiesta è stata fatta dalla Orinic Limited, una delle tante filiali del red room). Questa richiesta, aggiunta a quella fatta per il mercato spagnolo, sono sicuramente due ottimi motivi per pensare a un rilancio della poker room.

Se la notizia della richiesta all’Alderney Gaming Control Commission fosse dichiarata vera, così come la data della sua domanda (il 23 marzo), dopo il ponte pasquale ci potremmo aspettare delle grosse novità.Se la richiesta non è rifiutata dall’Alderney Gaming Control Commission entro 14 giorni dalla sua proposta, l’approvazione arriva di default e quindi Full Tilt Poker potrà dire di avere una regolare licenza in attivo.

Queste notizie, unite al trasferimento di Laurent Tapie, figlio di Bernard Tapie, a Dublino per discutere e cercare di concludere nel più breve tempo possibile l’accordo della vendita di Full Tilt Poker sembrano portare a questa conclusione.

Le notizie che ci sono giunte fino a questo momento, dovrebbero essere positive per Full Tilt Poker. AGCC ha giudicato i nuovi proprietari della poker room idonei a offrire ai giocatori un gioco corretto e senza imbrogli, quindi è logico pensare che non si opporrà al rilascio della licenza di gioco. Inoltre, il Dipartimento di Giustizia americano sembra interessato a accettare le proposte che Bernard Tapie e i suoi soci hanno proposto per risanare la situazione oltre oceano.

L’apertura di Full Tilt Poker, prima in Europa e poi negli Stati Uniti, sembra diventare sempre più vicina; così come le speranze dei giocatori che hanno dei fondi congelati nelle casse della poker room. Grazie alla nuova direzione, che vede il gruppo di Bernard Tapie impegnato a ripristinare un organico degno di fiducia, potrà solo che portare la red room a tornare tra i nomi di spicco del poker online internazionale.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.