1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Cosa ci aspettiamo da Full Tilt Poker nel 2012?
  • Cosa ci aspettiamo da Full Tilt Poker nel 2012?

    Lunedi 26 dicembre 2011 da Claudio

Il 2011 per Full Tilt Poker non è stato certamente un anno facile, il “Black Friday” e tutte le grane legali che si sono sviluppate dal filone principale delle indagini hanno portato la vendita della società che da anni dirigeva la poker room. Nei primi misi del 2012, esattamente a Febbraio, sembra che sia giunto il momento di aprire di nuovo le porte ai giocatori di tutto il mondo, inoltre i giocatori statunitensi vedono aumentare le loro probabilità di riavere i propri fondi bloccati nelle casse della poker room.

L’acquisto di Full Tilt Poker, da parte del gruppo capitanato da Bernard Tapie, sembra che riuscirà a portare finalmente un periodo di tranquillità e serenità in quest’azienda famosa in tutto il mondo. L’unico punto ancora in sospeso, è quello rappresentato dalla risoluzione del problema legato al rimborso dei giocatori americani, che per il momento non hanno ancora ricevuto i soldi bloccati sui loro conti all’interno di Full Tilt Poker.

Le tappe di Full Tilt Poker iniziano da Gennaio, mese in cui dovrebbe terminare l’apertura di una concessione per il gioco d’azzardo sull’isola di Alderney, noto paradiso fiscale dove molti casino online hanno messo sede. Dopo l’attivazione della licenza, Full Tilt Poker avrà tutte le carte in regola per ripartire alla grande con la sua offerta, cercando di risorgere da questo periodo buio. Gli avvocati e i manager della poker room, proprio in questi giorni stanno lavorando freneticamente per riattivare le licenze in precedenza bloccate in Italia, Francia e Spagna.

Risolti i cavilli legati e riabilitate le licenze di gioco nei vari stati del mondo, a Full Tilt Poker resta da sgarbugliare la vicenda dei fondi da restituire ai giocatori americani; cifra che ammonta a 150 milioni di dollari. Gli accordi che i legali di Full Tilt Poker hanno preso con il Dipartimento di Giustizia americano impongono il gruppo capitanato da Bernard Tapie a versare 80 milioni di dollari come parziale risarcimento ai giocatori. I restanti 70 milioni di dollari saranno prelevati dagli azionisti della poker room. Grazie a quest’accordo, Full Tilt Poker potrà tornare a essere operativa in poco tempo, e iniziare nuovamente a guadagnare utili.

Finalmente, la poker room di Full Tilt Poker potrà finalmente ritornare ad essere operativa e funzionante al 100%. Moltissimi giocatori d’azzardo di tutto il mondo, non aspettano altro che leggere la notizia dell’apertura ufficiale di Full Tilt Poker, per poter tornare a giocare con i suoi avvincenti ed emozionanti giochi d’azzardo online. Il 2012 sarà l’anno in cui Full Tilt Poker potrà risorgere dalle sue ceneri e tornare finalmente a essere di nuovo una delle più celebri poker room del mondo.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.