1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Aumenta la tassazione nelle poker room italiane
  • Aumenta la tassazione nelle poker room italiane

    mercoledì 15 febbraio 2012 da Claudio

L’Italia si trova in un momento di crisi, e il Governo Monti sembra che sia intenzionato a racimolare contanti liquidi in ogni luogo, quindi il settore del gioco online è entrato nel mirino del fisco italiano. Nei prossimi mesi, i giocatori di poker online vedranno aumentare la tassazione sulle vincite ottenute nelle poker room sul territorio nazionale.

L’introduzione di queste nuove normative, che dovrebbero riuscire a portare nelle casse dello Stato Italiano una somma vicina ai 500 milioni di euro, saranno mirate nel colpire i giocatori italiani che utilizzano sale da gioco che non soddisfano i criteri delle normative italiane. Questo provvedimento, che, oltre ad essere applicato alle sale da poker sarà anche applicato alle sale per le scommesse online e a quelle per i giochi dei casinò, si baserà sulle norme per la tracciabilità dei conti correnti. Grazie all’introduzione delle nuove norme per la tracciabilità dei conti correnti, tutte le operazioni finanziarie verso compagnie di gioco non autorizzate dai monopoli di stato devono essere registrate e denunciate alla finanza, i movimenti delle finanze dei giocatori d’azzardo possono essere facilmente tenuti sotto controllo.

Il solo versamento verso questo tipo di siti, quelli non muniti di regolare licenza AAMS, saranno puniti con delle sanzioni che possono arrivare anche a 20 volte la somma depositata. Nel caso di un deposito da 100€, con l’introduzione dei nuovi provvedimenti si rischia una sanzione di ben 2000€. Oltre a infliggere delle pesanti sanzioni ai giocatori, la guardia di finanza vuole anche penalizzare fortemente tutte le agenzie pubblicitarie che promuovono i marchi non regolamentari.

Queste nuove normative, che non dovrebbero preoccupare buona parte dei giocatori di poker online italiano, che sempre più spesso si affidano alle sole sale da gioco munite di regolare licenza AAMS, non sono le uniche che presto vedranno la luce. Nel nuovo decreto fiscale, che il Governo Monti sta finendo di costruire sembra che ci sia presente anche un aumento dell’aliquota sulle vincite ricavate dal gioco online. Al momento in qui scrivo, l’aliquota che è pagata sulle vincite, si aggira sul 17% circa. Con l’introduzione delle nuove normative, questa aliquota potrebbe quasi raddoppiarsi, imponendo alle sale da gioco una maggiore tassazione per le quote dei tornei, oltre che per i cash game.

L’intento di riportare in verde lo stato delle tasse dello Stato Italiano è sicuramente un’impresa non da poco, ma per il 2012 le tasche dei giocatori italiani di poker, sia nei tavoli cash game sia nei tornei, subiranno una considerevole diminuzione delle entrate.

Evitare le sale da gioco non munite delle regolare licenza AAMS ci metterà al riparo dal pagamento di pesanti sanzioni, e con l’arrivo di un considerevole numero di giocatori forse avremo anche uno sgravio dell’imposta sulle vincite. Il fine di questa serie di manovre, è proprio l’incremento del numero di giocatori sulle sale da gioco certificate e regolamentari in Italia, l’aumento dei giocatori porterà anche un ulteriore incremento delle entrate nelle casse dell’erario italiano.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.