1. Home>
  2. Notizie sul Poker>
  3. Accordo World Poker Tour con Adda52 in India
  • Accordo World Poker Tour con Adda52 in India

    Giovedi 17 novembre 2016 da Antonella Curione

L’organizzazione World Poker Tour ha annunciato di aver stipulato un accordo con Adda52, una delle principali start up nel settore del poker online in India. La società è stata acquisita alcuni mesi fa da Delta Corp. Delta Corp ha acquistato una partecipazione e concluderà l’operazione di acquisizione il prossimo anno. È un accordo che comporta l’ingresso della società nel settore del poker online, mentre la sua attività principale è nel settore dei casinò fisici. La start up Adda52 è stata costituita da Anuj Gupta, con specializzazione nei giochi come il poker, scacchi e altri. Le sue realizzazioni includono i siti web adda52, adda52rummy e mart con le relative versioni online dei giochi di carte.

Attualmente le compagnie di poker online in India hanno un fatturato complessivo superiore ai 100 milioni di dollari. Tre Stati hanno permesso il gioco del poker in quanto gioco di abilità e, il fatto di superare l’ostacolo del gioco d’azzardo, ha consentito di far crescere la comunità del poker indiano con oltre 1.000 professionisti. Le principali start-up nell’ambito del poker online in India sono Adda52, Spartan Poker e Poker-Baazi. Adam Pliska, Presidente e CEO del World Poker Tour ha affermato che l’India è “uno dei mercati di tutto il mondo con la crescita più rapida nel settore del poker”. Anuj Gupta, fondatore e CEO della start up Adda52.com ha detto che “l’associazione con il World Poker Tour arriva in un momento molto importante in India. Un momento in cui c’è un boom del poker”. Sono attivi almeno 20 siti di poker online in India e la stima del bacino di utenti è di almeno 500.000 giocatori.

Il fondatore e CEO della start up Spartan Poker Amin Rozani è una personalità influente nel settore del poker online. Ha affermato: «Il Poker online in questo paese rimarrà. È possibile vedere la traiettoria verso l’alto di questa industria ed è iniziata cinque o sei anni fa e io non credo che potrà mai andare verso il basso». Rozani ha lavorato in banca ma ha lasciato l’impiego per seguire la sua passione, concentrandosi completamente sul poker. È riuscito a condurre il campionato indiano di poker a un altro livello. Ha ricordato: «Dopo due mesi con il ritorno del campionato Indian Poker Championship nel gennaio 2015, con una media di 100 giocatori a evento, i numeri sono lievitati a oltre 300 partecipanti ai singoli eventi. L’India è un mercato in crescita e guadagna l’attenzione regionale e globale». Dopo il campionato Indian Poker Championship ha dedicato le sue energie a Spartan Poker. Questa piattaforma di gioco ha avuto un picco in classifica nei 18 mesi della sua esistenza ed è certamente la poker room online con la crescita più rapida del Paese. Ha precisato: «Abbiamo alcune persone molto esperte che fanno parte di questa realizzazione e loro o forse dovrei dire noi, ci consideriamo giocatori e poi professionisti del Poker. Quindi il nostro processo mentale è sempre focalizzato sul giocatore. Che tipo di offerta potrebbe interessarli ed emozionarli? Questo è un elemento chiave, quando stiamo lavorando sulle nostre promozioni. Non è solo un bellissimo sport, è anche una sfida di abilità. Come l’Indian Poker Championship è per gli eventi live, Spartan Poker è intrattenimento e molti giocatori possono giocare a poker professionalmente, come hobby o per semplice svago».

Le start-up di poker online in India devono essere in regola con una rigida serie di normative che limitano essenzialmente il settore alle imprese locali. Le Start-up non possono avere investimenti diretti esteri. Non possono avere collaborazioni tecniche con soggetti esteri. Devono usufruire di una tecnologia indiana per il software necessario alla creazione di una piattaforma.

both

both

both

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni sull'online poker, provate a cercare su Yahoo, sull' Open Directory Project, o Bing.